L’agopuntura accelera il transito gastrointestinale rallentato dopo chirurgia addominale in topi coscienti.

Negli ultimi anni, in tutti gli ambiti anestesiologici e chirurgici, si è prestato un crescente interesse a tecniche che garantiscano una riduzione delle complicanze post-operatorie ed una riduzione dei tempi di ospedalizzazione. Per questo sono stati approntate tecniche chirurgiche sempre meno invasive, nel rispetto della fisiologia del paziente, associate a protocolli anestesiologici in cui tecniche loco-regionali innovative vengono affiancate all’uso sempre più razionalizzato dei farmaci.

Obiettivo
Questo articolo sperimentale sul ratto valuta l’effetto dell’ elettroagopuntura (EA) sull’ileo paralitico post-operatorio (POI): transitoria disfunzione post-operatoria imputata ad effetto neuroendocrino ed all’infiammazione conseguente alla manipolazione del peritoneo e dell’intestino.

Materiali e Metodi
Lo studio è stato effettuato presso il Dipartimento di Chirurgia del Duke University Medical Center e del Durham Veterans Affairs Medical Center di Durham, North Carolina, USA, nel 2005.
Si tratta di uno studio sperimentale effettuato su ratti di razza Male Sprague-Dawley con gruppo di controllo sham.
Tutti i ratti sono stati mantenuti a digiuno nel periodo pre-operatorio e sono stati sottoposti ad anestesia inalatoria con isoflurane. Il primo gruppo è stato solo sottoposto unicamente ad anestesia senza manipolazione addominale, gli altri hanno subito l’esteriorizzazione e compressione per 10 min. dell’ileo terminale (circa 10 cm), oltre all’infissione di un elettrodo nella sierosa dell’antro gastrico, per valutarne la motilità. Al termine della procedura chirurgica ai ratti è stata somministrata, attraverso un sondino, una soluzione di cromo marcato. Dopo 30 min nel gruppo di agopuntura è stato elettrostimolato per 10 minuti a 10 Hz il punto ST36 bilaterale, nel gruppo sham è stato sottoposto ad EA il punto BL21 bilaterale. A 3 ore dall’intervento gli animali sono stati soppressi mediante inalazione di CO2.
In seguito, dopo apertura dell’addome, sono stati asportati lo stomaco, il tenue ed il colon; le parti asportate sono state sezionate in 15 segmenti ed è stata valutata la presenza di cromo marcato sia nella parete intestinale che nelle feci.

Risultati
I ratti sottoposti a manipolazione addominale hanno presentato un rallentamento del transito rispetto a quelli trattati con sola anestesia senza manipolazione, ma il gruppo trattato con agopuntura vera (ST36) ha evidenziato un minor rallentamento rispetto al gruppo sham.
Inoltre, la stimolazione di ST36 ha aumentato sia l’indice di motilità che l’ampiezza delle contrazioni gastriche mentre non ha modificato la frequenza delle contrazioni. L’effetto della stimolazione è durato circa 3 ore. Viceversa la stimolazione di BL21 non ha provocato alcuna variazione della motilità gastrointestinale dopo chirurgia.

Conclusioni
ST36 promuove la stimolazione della contrattilità gastrica nel ratto cosciente e digiuno, attraverso un incremento del pathway vagale. Questo studio dimostra che il POI viene migliorato dall’EA, e che esistono tutte le premesse per ritenere che possa risolvere, in vivo, l’ileo paralitico post-operatorio.

Tratto da: Balestrini JL, Tsuchida D, Fukuda H et al. Acupuncture accelerates delayed gastrointestinal transit after abdominal surgery in conscious rats. Scandinavian Journal of Gastroenterology, 2005; 40: 734-735

Patrizia Betti