Valutazione della riabilitazione intensiva con e senza agopuntura in bambini con paralisi cerebrale: uno studio randomizzato controllato

Obiettivo
Confrontare i risultati delle terapie convenzionali (fisiche, occupazionali e idroterapie) più agopuntura con quelli senza agopuntura quando somministrate intensivamente nel trattamento di bambini con paralisi cerebrale (CP) spastica.

Progetto
Valutazione in cieco, studio prospettico randomizzato controllato.

Materiali e metodi
Terapie e valutazioni video-registrate sono state effettuate presso un ospedale pediatrico di Pechino (Cina), l’annotazione dei punteggi è stata fatta in cieco e l’analisi dei dati è stata eseguita presso un’università degli Stati Uniti.
A 75 bambini, d’età compresa tra i 12 e i 72 mesi, con paralisi cerebrale spastica, sono state somministrate intensamente (5 volte la settimana per 12 settimane) fisioterapia, terapia occupazionale ed idroterapia, sia con agopuntura (gruppo 1) che senza agopuntura (gruppo 2). Per soddisfare gli standard di cura, il gruppo 2 ha ricevuto l’ agopuntura in un periodo successivo (settimane 16-28).

Risultati

Per la misurazione dei risultati, sono stati utilizzati il Gross Motor Function Measure (GMFM)-66 ed il Pediatric Evaluation of Disability Inventory (PEDI) a 0, 4, 8, 12, 16 e 28 settimane.
Alla fine delle 12 settimane non sono state rilevate differenze significative tra i 2 gruppi, ma quando il gruppo 2 è stato sottoposto ad agopuntura (dalla settimana 16 alla 28) si è verificato un viraggio verso il miglioramento sia nel GMFM-66 che nel PEDI-Functional Skills Self-care and Mobility.
Quando i dati relativi ai due gruppi sono stati combinati, si sono registrati miglioramenti statisticamente significativi dopo trattamento intensivo dalla situazione di base a 12 settimane, per ciascun parametro valutato ad ogni livello del Gross Motor Function Classification System (GMFCS).
Dopo gli aggiustamenti apportati in relazione ai miglioramenti previsti con la crescita dei soggetti in esame, i progressi del GMFM nei bambini con GMFCS di livello II sono stati statisticamente significativi (p<0.05), con un incremento medio di 6.5 rispetto a quello previsto di 3.4.

Conclusioni
Una riabilitazione intensiva precoce migliora la funzionalità nei bambini con CP spastica. Il contributo dell’agopuntura non è chiaro: la risposta dei bambini varia largamente, suggerendo l’importanza di definire profili clinici che identifichino quali bambini possano beneficiare maggiormente del trattamento. Ulteriori studi dovrebbero esplorare come questo approccio potrebbe trovare applicazione negli Stati Uniti.

Duncan B, Shen K, Zou LP et al. Evaluating intense rehabilitative therapies with and without acupuncture for children with cerebral palsy: a randomized controlled trial. Arch Phys Med Rehabil. 2012 May;93(5):808-15

Commento
Ancora una volta ci troviamo davanti ad un abstract in cui manca qualunque informazione sul protocollo di agopuntura adottato. Questo rende impossibile determinare se il ruolo dell’agopuntura, dagli autori definito “non chiaro”, sia stato o meno inficiato dalla scelta di agopunti poco efficaci ai fini desiderati, cosa che sappiamo accadere, purtroppo, assai di frequente.

Tiziana Pedrali