L’anandamide endogena e il recettore tipo 2 per i cannabinoidi contribuiscono all’analgesia indotta dall’elettroagopuntura nei ratti

Abstract

L’agopuntura è ampiamente utilizzata nella pratica clinica per trattare le condizioni di dolore acuto e cronico, ma i meccanismi sottostanti l’efficacia non sono pienamente conosciuti. Anche se i cannabinoidi endogeni sono coinvolti nella modulazione del dolore in modelli animali e umani, il loro ruolo nell’analgesia agopunturale non è stata valutato.

In questo studio, abbiamo valutato l’effetto dell’elettroagopuntura (EA) sui livelli di anandamide nel tessuto cutaneo ed il ruolo dei recettori per i cannabinoidi CB1 e CB2 nell’effetto analgesico dell’agopuntura in modelli animali con dolore di tipo infiammatorio.

Il dolore infiammatorio è stato indotto dell’iniezione locale dell’adiuvante completo di Freund (CFA) a livello della zampa posteriore del ratto. L’iperalgesia termica è stata testata con uno stimolo radiante caldo e l’allodinia meccanica è stata quantificata con i filamenti di von Frey. La concentrazione di anandamide nel tessuto cutaneo è stata misurata utilizzando tecniche di cromatografia liquida ad alte prestazioni.

L’EA, applicata nei punti GB30 e GB34, a frequenze di 2 e 100Hz, riduce significativamente l’iperalgesia termica e l’allodinia meccanica indotta dell’iniezione di CFA. Nel gruppo EA, paragonato con il gruppo sham, i livelli di anandamide nella cute del tessuto infiammato aumentano significativamente. Il pretrattamento locale con uno specifico antagonista del recettore CB2, l’AM630, attenua significativamente l’effetto antinocicettivo dell’EA. Tuttavia, l’effetto dell’EA non è significativamente alterato dall’AM251, un antagonista selettivo del recettore CB1.

Questi risultati suggeriscono che l’EA potenzia la liberazione locale di anandamide endogena dai tessuti infiammati. L’attivazione del recettore periferico CB2 contribuisce all’effetto analgesico dell’EA nel dolore di tipo infiammatorio.

Prospettiva

Questo studio dimostra che l’EA incrementa i livelli di anandamide nella cute dei tessuti infiammati e che i recettori CB2 contribuiscono all’effetto analgesico dell’EA in modelli di ratto con dolore infiammatorio.

Queste informazioni incrementano le nostre conoscenze sui meccanismi coinvolti nell’effetto antalgico dell’agopuntura.

Chen L, Zhang J, Li F et al. Endogenous anandamide and cannabinoid receptor-2 contribute to electroacupuncture analgesia in rats. J Pain. 2009 Jul;10(7):732-9
Riccardo Rustichelli