L’agopuntura riduce il rischio di ictus nei pazienti con una lesione cerebrale traumatica (TBI).

Un’indagine su 29.636 pazienti con trauma cranico rivela che i pazienti trattati con l’agopuntura hanno una “minore probabilità di ictus rispetto a quelli senza trattamento di agopuntura durante il periodo di follow-up.”

E’ stata fatta una revisione dei pazienti dal 2000-2008 attraverso il database per la ricerca della National Taiwan Health Insurance. I follow-up si sono protratti fino alla fine del 2010.

Lo studio “ha dimostrato una significativa diminuzione del rischio di ictus di nuova insorgenza nei pazienti con trauma cranico che avevano ricevuto un trattamento di agopuntura. Il presente studio è il primo a riferire che un trattamento di agopuntura è stato associato ad un ridotto rischio di ictus nei pazienti con trauma cranico.”

I ricercatori fanno notare che l’agopuntura offre altri benefici medici per i pazienti con trauma cranico. “Il nostro precedente studio ha trovato che i pazienti con trauma cranico che hanno ricevuto un trattamento di agopuntura avevano meno necessità di terapie di emergenza e di ospedalizzazione nel primo anno dopo la lesione rispetto al controllo.” Un altro studio citato nella ricerca “ha dimostrato che l’agopuntura migliora la comprensione e la percezione o la qualità del sonno.”

I ricercatori hanno scoperto numerosi studi che dimostrano che l’agopuntura è efficace “nel miglioramento delle capacità fisiche dei pazienti ictati.”

Hanno anche trovato prove concrete che dimostrano che l’agopuntura “aiuta ad abbassare la pressione sanguigna, ridurre l’infiammazione e migliorare il profilo lipidico.” Fanno notare che questo genere di ricerca aiuta a spiegare perché l’agopuntura sia efficace nel ridurre il rischio di ictus nei pazienti con trauma cranico.

Lo studio è importante per la grande dimensione del campione e per la rigorosità del progetto di lavoro. Inoltre, i ricercatori sono stati scelti sulla base di condizioni socio-demografiche e mediche preesistenti al fine di garantire risultati accurati. Come conseguenza, i ricercatori danno un punteggio del 95 % di confidenza ai risultati dello studio.

Il dettaglio evidenzia alcuni risultati interessanti.

Prima di tutto, il tasso di incidenza di ictus nei pazienti con trauma cranico è diminuito da 7,5 per 1.000 pazienti nel gruppo non-agopuntura a 4,9 nel gruppo agopuntura.

Ordinati per genere, nelle femmine senza l’agopuntura si è avuta un’ incidenza del 6,5 per 1.000, mentre con l’agopuntura l’incidenza è scesa a 4,6. Nei maschi, l’incidenza è stata del 7,9 per 1.000 nel gruppo non-agopuntura e del 5.2 in quello trattato con agopuntura.

Per i pazienti con trauma cranico di 20-44 anni d’età, l’incidenza è stata del 2,1 per il gruppo non-agopuntura e dell’1,2 per i pazienti di agopuntura. Nei pazienti di 45-64 anni d’età, l’incidenza è stata del 10,6 per i pazienti non-agopuntura e del 7,4 per quelli di agopuntura. Per i pazienti con trauma cranico di età >65 anni, l’incidenza è stata del 28,4 per 1.000 nel gruppo non-agopuntura e del 18,0 in quello agopuntura.

In altre recenti ricerche correlate, i ricercatori hanno scoperto che la combinazione di agopuntura e farmaci convenzionali “diminuisce la depressione post-ictus (PSD)”. In tale studio i ricercatori hanno esaminato 150 pazienti in un unico studio in cieco controllato. Essi hanno concluso che l’agopuntura in combinazione con i farmaci migliora sinergicamente i risultati terapeutici dei pazienti diminuendo la sindrome post – ictus, migliorando la funzione degli arti e migliorando la biochimica sierica. Il gruppo di studio che aveva ricevuto sia l’agopuntura che i farmaci aveva un risultato terapeutico significativamente migliore rispetto ai pazienti trattati con il solo farmaco o con sola agopuntura.

Questa ricerca incoraggia l’integrazione dell’agopuntura nei set medici convenzionali per i pazienti che hanno subito un ictus.

Bibliografia:

Chun-Chuan S, Yi-Ting H, Hwang-Huei W et al. “Decreased Risk of Stroke in Patients with Traumatic Brain Injury Receiving Acupuncture Treatment: A Population-Based Retrospective Cohort Study.”PLOS ONE 9, n° 2 (2014): e89208.

Clinical research on treating PSD by acupuncture combined with medicine. Clinical Journal of Chinese Medicine, 2014 (1), R749.4, 361009; 10.3969/j.issn.1674-7860.2014.01.007.

Acupuncture Reduces Stroke Risk Discovery in HealthCMi–Acupuncture Continuing Education, 25 febbraio 2014

Tiziana Pedrali