L’agopuntura associata alla terapia farmacologica occidentale nella malattia di Ménière: studio controllato randomizzato.

Obbiettivo
Lo scopo del presente lavoro è confrontare l’effetto, nella malattia di Ménière, tra l’agopuntura combinata alla terapia farmacologica occidentale e la sola terapia farmacologica occidentale.

Metodi
Sono stati arruolati novantasei pazienti con malattia di Ménière e sono stati assegnati in modo casuale a un gruppo di associazione (48 casi, di cui 12 casi hanno abbandonato lo studio) e a un gruppo di farmaci (48 casi, di cui 9 casi hanno abbandonato lo studio).
Si sono utilizzate, per la terapia farmacologica, le compresse di betaistina mesilato (da 12 mg, 3 volte al giorno) e le compresse di metilcobalamina (da 0,5 mg, 3 volte al giorno). L’agopuntura è stata utilizzata nel gruppo di combinazione, due volte alla settimana, una seduta di 20 minuti, e gli agopunti selezionati sono stati: Baihui (GV20), Fengchi (GB20), Tinggong (SI19), Hegu (LI4), Quchi (LI11), Zusanli (ST36), Fenglong (ST40), Taichong (LR3), Taixi (KI3) e Tianshu (ST25). Il trattamento è durato complessivamente 12 settimane consecutive.
I sintomi riferiti sono stati raccolti in un questionario per capogiri (DHI), uno per tinnito (THI), ed è stato assegnato un punteggio per il test audiometrico del tono puro e si è applicata una scala analogica visiva (VAS) per la sintomatologia dell’orecchio chiuso. Sono stati paragonati gli effetti circa le vertigini, l’udito e l’attività quotidiana.

Risultati
I punteggi di DHI, THI, il test audiometrico del tono puro e i punteggi VAS dopo il trattamento sono stati inferiori a quelli prima del trattamento nei due gruppi (tutti P<0,05), con punteggi più bassi nel gruppo di associazione dopo il trattamento (tutti P< 0.05). I valori relativi alla differenza degli indici esaminati nel pre e post trattamento, sono stati maggiori nel gruppo di combinazione (tutti P<0,05). Il miglioramento delle vertigini, dell’ovattamento uditivo e dell’attività quotidiana nel gruppo trattato anche con l’agopuntura è stato rispettivamente negli indici analizzati del 97,2% (35/36), del 91,7% (33/36), del 88,9% (32/36), rispetto al gruppo trattato solo farmacologicamente (71,8%-28/39; 74,4%-29/39; 69,2-27/39) (tutti P<0,05).

Conclusione
L’agopuntura combinata con i farmaci convenzionali ha dimostrato un effetto migliore rispetto ai semplici farmaci convenzionali nel trattamento della sindrome di Ménière.

Wu D, Liu B, Wang H et al. Acupuncture combined with oral western medication for Meniere’s disease: a randomized controlled trial. Zhongguo Zhen Jiu. 2018 Oct 12;38(10):1047-52.

Erminia Caldiron