La moxibustione nel trattamento della sindrome da affaticamento sport-correlato

Nella medicina tradizionale cinese (MTC), la sindrome da affaticamento da surmenage fisico, rientra nelle categorie da deficit ed il trattamento con moxibustione presenta una storica indicazione nella prevenzione e gestione della sintomatologia correlata a tale sindrome. Gli autori di questo lavoro hanno effettuato una revisione dei risultati presenti in letteratura, negli ultimi 5 anni, sull’efficacia del trattamento con moxibustione nella prevenzione e cura della sindrome da affaticamento muscolare.

I risultati raccolti hanno dimostrato che questa tecnica terapeutica determina: 1) riduzione dei radicali liberi e riduzione dei danni ossidativi;

2) aumento della disponibilità di glicogeno e ritardo nell’insorgenza della sensazione di fatica;

3) aumento del livello di testosterone sierico (riduce il livello di alterazioni neuroendocrine indotte da eccessivo esercizio fisico) e riduzione dell’affaticamento post-esercizio;

4) aumento della capacità anaerobica allo sforzo, riduzione dell’accumulo di prodotti metabolici nel corpo e rafforzamento della capacità di resistenza del muscolo scheletrico;

5) miglioramento della funzione cardiaca, e soppressione dei fenomeni degenerativi delle cellule cardiache stress-correlati, ecc.

A fronte di questi risultati preliminari, gli autori auspicano tuttavia una attenta revisione delle informazioni presenti nei testi classici delle diverse scuole accademiche succedutesi con le varie dinastie e riguardanti le indicazioni all’uso della moxa, una maggior attenzione agli ampi studi clinici randomizzati controllati, l’istituzione di standards comuni di trattamento per fornire ulteriori prove dell’efficacia terapeutica nell’affaticamento sport-correlato.

Xu HQ, Zhang HR, Gu YH. Progress of researches on prevention and treatment of sports fatigue with moxibustion therapy. Zhen Ci Yan Jiu 2014 Apr;39(2):169-73.
Vittorio Mascherini