Il ruolo dell’agopuntura nelle tecniche di fecondazione assistita

Obiettivo

Lo scopo di questo lavoro è stato quello di fornire evidenze attendibili, eseguendo una review sistematica ed una meta-analisi dei lavori presenti in letteratura, per la valutazione del ruolo dell’ utilizzo dell’ agopuntura durante le tecniche di riproduzione assistita.

Metodo

Sono stati inclusi tutti gli studi randomizzati e controllati che hanno valutato gli effetti dell’agopuntura, praticata con manipolazione manuale, con stimolazione elettrica o laser, e si sono confrontati il tasso di gravidanza clinica (CPR) ed il tassodi nati vivi (LBR) dopo fecondazione in vitro (IVF) o inseminazione artificiale. Il gruppo di controllo era costituito da pazienti che non avevano effettuato agopuntura e da pazienti trattati con agopuntura sham. Sono stati definiti come agopunturasham i trattamenti con: agopuntura sham praticata in agopunti, agopuntura sham in punti non appropriati, sham LA e cerotti adesivi. In questo lavoro sono stati inclusi ventitré studi (per un totale di 5598 partecipanti)

Risultati

Il tasso di gravidanza clinica (CPR) di tutti i gruppi trattati con agopuntura è risultato significativamente superiore a quello di tutti i gruppi di controllo, mentre il tasso di nati vivi (LBR) non è apparso significativamente differente tra i due gruppi. Tuttavia, è stata rilevata una netta distinzione tra i risultati quando le modalità di controllo e/o i diversi tempi di applicazione dell’agopuntura sono stati sottoposti ad un’analisi di sensitività

Conclusione

I risultati indicano che l’agopuntura in particolare, soprattutto nel periodo di iperstimolazione ovarica controllata, migliora gliesiti di gravidanza nelle donne sottoposte a fecondazione in vitro.

Ci si potrebbe aspettare un incremento dell’effetto dell’agopuntura nella fecondazione in vitro, se venissero individuati trattamenti piu’ personalizzati.

Zheng CH, Zhang MM, Huang GY et al. The role of acupuncture in assisted reproductive technology. Evid Based Complement Alternat Med. 2012;2012:543924

Elisabetta Casaletti