Effetto della moxibustione leggera sul microbiota intestinale e sull’inflammosoma NLRP6 in ratti con sindrome dell’intestino irritabile post infiammatorio.

Background
Circa un terzo dei casi di sindrome dell’intestino irritabile refrattario (IBS) sono causati da infezione / infiammazione gastrointestinale (GI), nota come IBS pst-infettiva / post-infiammatoria (PI-IBS). Sebbene sia noto che il microbiota intestinale e il dominio pirinico della famiglia dei recettori NOD-like dell’ospite NLRP6 siano strettamente correlati a PI-IBS e la moxibustione abbia un effetto terapeutico su PI-IBS e la moxibustione regoli la flora intestinale e l’NLRP6 dell’ospite, gli eventi in PI-IBS rimangono poco chiari.

Obiettivo
Esaminare l’effetto regolatorio della moxibustione sul microbiota intestinale e il segnale infiammatorio del NLRP6 in PI-IBS.

Metodi
Ratti Sprague-Dawley sono stati suddivisi in un gruppo di controllo normale, in un gruppo di controllo modello, in un gruppo trattato con moxibustiome leggera e in un gruppo trattato con sham moxibustione leggera. Il trattamento con moxibustione è stato praticato a livello di Tianshu (ST25) e Zusanli (ST36) bilateralmente per 7 giorni consecutivi per 10 minuti ogni volta. Il gruppo sham è stato trattato nello stesso modo tranne il fatto che il sigaro di moxa non è stato acceso. Sono stati misurati lo score del riflesso addominale (AWR) per valutare la sensibilità viscerale, l’istopatologia e l’ultrastruttura del colon e l’attività della mieloperossidasi colica (MPO), i livelli sierici di protina C reattiva (CRP) per valutare il basso grado di infiammazione colica nei ratti. La quantità relativa di selezionate famiglie batteriche intestinali è stata valutata nelle feci dei ratti tramite 16S rDNA PCR e il segnale dell’inflammosoma NLRP6 è stato valutato con immunofluorescenza, qRT-PCR e Western blot.

Risultati
Il punteggio AWR è stato significativamente ridotto e l’infiammazione intestinale di basso grado evidenziata dai livelli sierici di CRP e MPO del colon è stata inibita nel gruppo moxibustione lieve rispetto al gruppo sham. La moxibustione lieve ha aumentato notevolmente le abbondanze relative del DNA di Lactobacillus, Bifidobacterium e Faecalibacterium prausnitzii, ma ha ridotto quella di Escherichia coli nell’intestino dei ratti PI-IBS. Inoltre, una lieve moxibustione ha indotto l’mRNA e l’espressione proteica della lectina intestinale 1, ha inibito l’espressione di IL-1β, IL-18 e della molecola resistance-likeβ promuovendo l’NLRP6 e riducendo l’espressione di mRNA e di espressione proteica di ASC (apoptosis-associated speck-like protein containing CARD) e di Caspase-1 (proteinasi 1 cisteinil-aspartato specifica). Le quantità relative del DNA di Lactobacillus, Bifidobacteria, Faecalibacterium prausnitzii ed Escherichia coli in ciascun gruppo erano correlate con l’espressione di mRNA e proteine di NLRP6, ASC e Caspase-1 nel colon.

Conclusione
Questi risultati hanno indicato che la moxibustione lieve può alleviare l’infiammazione gastrointestinale di basso grado e alleviare l’ipersensibilità viscerale in PI-IBS regolando il microbiota intestinale e controllando la segnalazione dell’inflammasoma NLRP6.

C H Bao 1, CY Wang 1, GN Li 1, et al. Effect of mild moxibustion on intestinal microbiota and NLRP6 inflammasome signaling in rats with post-inflammatory irritable bowel syndrome World J Gastroenterol. 2019 Aug 28;25(32):4696-4714. doi: 10.3748/wjg.v25.i32.4696.

Laura Moraglio