Agopuntura in emergenza di Carlo Moiraghi e Paola PoliC.E.A. – Casa Editrice Ambrosiana Giugno 2016

Curare in emergenza con gli aghi. Un prontuario per agopuntori corredato di note pratiche, approfondimenti teorici, specifiche scelte terapeutiche. Un diario di esperienze cliniche vissute, video e tante immagini, pagine accessibili a tutti, medici e non medici, agopuntori e non agopuntori. Un cammino all’interno dell’agopuntura, dai suoi simboli al suo profondo valore terapeutico nelle emergenze e, attraverso l’agopuntura, un viaggio nei mondi degli ultimi, nei territori lontani e vicini del bisogno. Volontariato medico, basato su quella preziosa risorsa antica capace di prestare soccorso adattandosi ad ogni scenario estremo che è l’agopuntura. Dove i farmaci mancano, con una minuta scatoletta di cartone zeppa di aghi monouso, ben mille a confezione, curi cento persone, quale che sia la sciagura, quali che siano le malattie di cui soffrono. Secoli addietro innumerevoli medici scalzi cinesi percorsero queste strade di umanità. Oggi questi imperdibili tuffi nelle realtà, nelle verità, nelle necessità dei più deboli si offrono a noi, scegliamoli insieme. Il libro si compone di tre parti. Dapprima vengono svolti i fondamenti dell’agopuntura in situazioni di emergenza. Spicca qui il decalogo che gli autori rivolgono ai colleghi agopuntori che partono per periodi di volontariato con gli aghi. Sempre in questa parte del libro compaiono due rilevanti revisioni: una innovativa interpretazione dei vasi embrionari ed una lettura critica, già da tempo nell’aria della medicina cinese ma non ancora pienamente dichiarata, della diagnostica differenziale secondo gli zangfu, formulazione organizzata dalle accademie cinesi negli anni settanta e di cui ben poco anzi nulla si trova nei testi classici. Le esperienze che gli autori hanno vissuto in India e in Nepal a partire dal 2005 fino ad oggi compongono la seconda parte del volume. Diari di giornate di lavoro, di viaggio, di incontri e scoperte, di imprevisti e di soddisfazioni. La terza parte sviluppa i punti di agopuntura alla luce delle cure in emergenza e fà di questo libro un vademecum pratico e fattivo per l’agopuntore. A concludere questa breve presentazione convengono due note. Segnaliamo anzitutto come l’agopuntura sia entrata nella Protezione Civile Italiana, evento intensamente perseguito da AGOM – Agopuntura nel Mondo e da noi e di cui sentiamo appieno l’importanza e la responsabilità. Con piacere annotiamo poi come due colleghi medici agopuntori formatisi in ALMA, la scuola FISA che dirigiamo, svolgano nell’agosto 2016 un periodo di volontariato medico con agopuntura in Nepal, a Lalitpur Thecho, distretto periferico di Kathmandu, presso l’Health Post in cui varie volte abbiamo lavorato dopo il terremoto che ha squassato il Nepal lo scorso anno. Quanto a noi, a giorni andremo ad aprire una nuova postazione in un’altra terra lontana che ci apre le porte, un altro inizio. Il volontariato in agopuntura è in cammino, AGOM vive.

Carlo Moiraghi e Paola Poli